Single’s Day: Il giro del mondo in 80 miliardi di acquisti

Avete mai sentito parlare della Giornata dei Single?

No, non stiamo parlando del 15 febbraio, il giorno in cui i cuori solitari sono soliti fare il verso alle coppiette sdolcinate concedendosi qualche sfizio dopo San Valentino, ma dell’11 novembre.

La Giornata dei Single, conosciuta anche come Single’s Day, è una festività nata in Cina ormai 30 anni fa per celebrare l’orgoglio dei “soli per scelta”. Con il passare dei decenni e l’avvento delle piattaforme di e-commerce, tuttavia, si è trasformata in un vero e proprio evento commerciale internazionale, fino a diventare la giornata dello shopping più redditizia al mondo.

In questo articolo scopriremo insieme le origini di questa singolare festività, le cifre da record che totalizza e alcune delle migliori strategie per sfruttare la sua popolarità per il tuo business.

SOMMARIO
Export Corea del Sud settore calzature italiano strategie marketing

La rivincita dei cuori solitari: le origini dell’11/11

C’era una volta un gruppo di ragazzi un po’ nerd che non riusciva proprio a far breccia nel cuore dell’altro sesso, correva l’anno 1993 all’Università di Nanchino e il malcontento cominciava a farsi sentire, tanto che tra i corridoi cominciò a serpeggiare un’idea rivoluzionaria:

“L’ennesimo San Valentino solitario, e anche quest’anno non ho ricevuto nessun regalo.”

“A chi lo dici, sono anni che aspetto di andare a sfondarmi di sushi in quel ristorante chic in centro, ma non ho nessuno con cui andare…quasi quasi ci vado per conto mio”

“Al diavolo le coppiette sdolcinate, se nessuno ci fa un regalo facciamocelo da soli!”

“Ragazzi, avete ragione! Dovremmo festeggiare la nostra libertà, celebrare l’orgoglio dei

single…per scelta, si intende!”

“Sì! Istituiamo una giornata tutta per noi, in cui concederci tutti gli sfizi che vogliamo. Ce lo siamo meritati direi!”

“Ma quando?” “L’11/11 sarebbe perfetto. È composto da tutti numeri 1, come noi.”

In quella fredda giornata invernale di oltre 30 anni fa nessuno poteva sospettare che dietro a una tenda nell’angolo più remoto dell’aula vi fosse Jack Ma in ascolto, CEO del colosso cinese Alibaba, con le mani giunte e un sorriso ghignante in volto…

Ok, forse ci siamo concessi un po’ di licenza poetica, ma a noi piace immaginare che sia andata più o meno così.

Compra che ti passa: I numeri nel mondo dell’e-commerce

Che l’origine del Single’s Day sia davvero così romantica oppure solo una trovata commerciale rimarrà per sempre un mistero, ma ciò che è certo è la popolarità che ha ottenuto.

Nonostante il trend sia partito dalla Cina, infatti, questa peculiare festività si è ben presto diffusa in ogni parte del mondo, tanto da superare persino eventi di shopping internazionale ben più conosciuti nel mondo occidentale, come Black Friday e Cyber Monday.

Secondo i dati riportati da Statista, nel 2021 le vendite sulla piattaforma e-commerce Alibaba hanno superato gli 84 miliardi di dollari, una cifra da record se paragonata ai 10 miliardi dei Prime Day di Amazon e ai 38 miliardi complessivi di Black Friday e Cyber Monday sulle altre piattaforme statunitensi.

Ok, sappiamo cosa stai pensando. Ma se io non vendo i miei prodotti su Alibaba e non mi rivolgo al mercato asiatico, questa festività è davvero così rilevante per il mio business?

La risposta è sì! E secondo i dati lo sarà sempre di più! Nonostante la Giornata dei Single non abbia ancora raggiunto la stessa popolarità che detiene in Asia, le cifre nel mercato europeo sono particolarmente incoraggianti.

Secondo un ulteriore sondaggio riferito al 2020, infatti, l’interesse da parte degli acquirenti europei è in costante aumento. Con una spesa pari a 1,4 miliardi di sterline, il Regno Unito è al primo posto tra i Paesi fan dell’11/11, seguito a ruota da Germania, Francia e Italia.

Insomma, la Giornata dei Single non scalzerà mai le vendite di Natale, questo è certo, ma può diventare un’ulteriore opportunità per le aziende interessate a espandere il proprio raggio d’azione all’estero, oltre che un ottimo terreno di prova per testare l’interesse dei consumatori in merito alle proprie offerte, anche in vista delle festività di dicembre.

5 strategie per sfruttare la Giornata dei Single

Come anticipato, sfruttare la crescente popolarità del Single’s Day può essere la mossa giusta per attirare un pubblico internazionale, anche per le aziende che non mirano al mercato asiatico.

Ecco 5 consigli spassionati per aiutarti a far breccia nei cuori dei…cuori solitari:

1. Offri degli sconti pazzeschi

Come per Black Friday e Ciber Monday il mood degli acquirenti in questa giornata è: “Al

diavolo, mi compro questa cosa di cui forse potrei pure fare a meno ma sarebbe sciocco non approfittarne”. Le maggiori piattaforme fanno a gara per offrire le promozioni migliori e invogliare i clienti ad acquistare d’impulso, il solito sconto del 10% per i nuovi iscritti

potrebbe dunque non essere sufficiente a sbaragliare la concorrenza.

2. Punta su prodotti a tema

Certo, l’11/11 nessuna legge vieta l’accesso alle piattaforme e-commerce da parte delle

coppiette felici, ma proporre qualche prodotto a tema per celebrare l’amor proprio potrebbe essere la strategia giusta per conquistare tutti quei single felici e fieri di esserlo. D’altronde quello che i clienti cercano è proprio questo, una coccola per sé stessi!

3. Investi in campagne marketing ad hoc

Come per altre festività, in questa giornata la competizione è altissima e investire per

apparire tra i primi risultati di ricerca è quasi d’obbligo. Ma non temere, il fatto che la

Giornata dei Single non sia ancora super popolare in Italia gioca a tuo vantaggio! Fai come Jack Ma, educa il tuo pubblico ai tuoi sconti pazzeschi, e vedrai che ogni anno dopo Halloween la prima cosa a cui i clienti penseranno sarà visitare il tuo sito.

4. Metti in evidenza le tue recensioni

È vero, durante le promozioni flash molti utenti acquistano impulsivamente, tipo quella

volta in cui, preso dall’entusiasmo, hai comprato una piscina gonfiabile a prezzo stracciato

dimenticandoti che non hai manco un giardino… Tuttavia, la clientela online è sempre più

esigente e offrire una porta d’accesso rapida alle recensioni può essere l’ultimo step

fondamentale per fare breccia non solo nei cuori, ma anche nelle menti degli acquirenti.

5. Sonda il terreno per le festività in arrivo

Infine, come anticipato, sfruttare la crescente popolarità della Giornata dei Single per

lanciare le tue migliori offerte può essere un’ottima strategia per tastare il terreno in vista

delle festività di dicembre. Il nuovo prodotto piace? Riesco a gestire tutte le richieste?

Grazie al monitoraggio delle attività sul tuo sito potresti anche lanciare campagne di

retargeting ad hoc per invogliare gli utenti che non hanno concluso l’acquisto.

Paese che vai, single che trovi: L’importanza dello studio del

mercato target

Noi di Mallei non ci stanchiamo mai di ripeterlo: il primo step per una strategia di

internazionalizzazione efficace è un approfondito studio del mercato di destinazione.

Perché? Perché ogni paese è diverso, e i consumatori di ogni mercato presentano esigenze e abitudini diverse. Ignorare questi fattori può portare a vere e proprie figuracce internazionali, come ci insegnano gli esilaranti esempi riportati nel nostro recente articolo: Marketing internazionale e Product Perception: come evitare il flop in un nuovo mercato.

La Giornata dei Single ne è proprio un esempio perfetto. In questo articolo vi abbiamo parlato del Single’s Day nato in Cina, quello più popolare a livello internazionale e con cifre da capogiro, ma in realtà questa frenesia consumistica di novembre assume sembianze (e nomi) totalmente diversi in altri paesi asiatici.

Certo, alla fine il risultato è sempre lo stesso: scialacquare 11 mesi di stipendio in prodotti di dubbia utilità per celebrare l’amore verso sé stessi. Ma in Giappone e Corea del Sud, questa giornata è in realtà dedicata soprattutto ad altro, ovvero a mangiare chili e chili di cioccolato.

Grazie a un’astutissima mossa commerciale dei colossi asiatici Lotte e Glico, i produttori dei famosi bastoncini ricoperti di cioccolato, a partire dagli anni Ottanta l’11 novembre è conosciuto come “Pocky Day” in Giappone e “Pepero Day” in Corea.

Perché proprio questa data? Semplicemente perché la forma del prodotto è molto simile al numero 1. Secondo la tradizione, mangiare 11 pacchetti di dolcetti alle 11.11 dell’11/11 avrebbe reso tutte le ragazze snelle e toniche come il famoso bastoncino (Sì, negli anni ’80 il body shaming andava ancora di moda).

Per quanto discutibile, questa trovata commerciale risulta popolarissima ancora oggi ed è la prova di quanto la percezione del prodotto possa variare da mercato e mercato, in base alle abitudini dei consumatori e alla cultura di appartenenza.

Amministrazione
Amministrazione
Articoli: 7

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *